Solo per lacrime di gioia

20140531-213413.jpg

Mi è particolarmente caro questo progetto perché è uno di quelli che ho realizzato per il matrimonio.
Ho messo a disposizione di ogni ospite, in chiesa, dei pacchettini come quelli in foto, contenenti un fazzoletto di carta.
Per realizzarli vi serve:
– carta forno
– fazzoletti carta
– macchina da cucire
– un bigliettino che dica ” solo per lacrime di gioia ”
Tagliate due pezzi di carta forno sufficientemente grandi a contenere un fazzoletto di carta, poi cuciteli insieme con la macchina da cucire, con il fazzoletto di carta già all’interno, avendo cura di cucire insieme anche il piccolo bigliettino.
Un progetto semplice ed economico che però darà quel tocco in più alla vostra cerimonia.

Advertisements

Centrotavola con mele e lime fai da te

20140531-204710.jpg

Un modo per risparmiare sul centrotavola è crearne uno con elementi che possano poi essere riutilizzati.
Quello proposto è un buon esempio. Prendete una ciotola, ad esempio questa di ikea:

20140531-204950.jpg
Ponete al centro un cero, vi consiglio qualcosa senza profumo, per non infastidire i commensali durante il pasto, come questa:

20140531-205025.jpg
Completate il tutto con lime e mele. A fine ricevimento potrete riutilizzare la frutta usata per questi bellissimi centrotavola.
Al posto di lime e mele potreste optare per limoni ed arance, se avete scelto il giallo e l’arancio come colori.

2 in 1: usare le bomboniere come centrotavola

20140531-204145.jpg

Eccovi un’idea furba per decorare la tavola risparmiando! Usate le bomboniere come centrotavola! Disponetele su un’ alzata per torte e ponetele al centro della tavola. Ogni ospite ne prenderà una a pranzo finito.
Arricchite il tutto con qualche candela per donare al tutto un tocco magico.

http://www.bhg.com/wedding/favors/easy-to-make-wedding-favors/#page=13

Centrotavola con rose e candele galleggianti da ikea

20140531-203748.jpg

Romantico e poco costoso questo centrotavola con rose e candele galleggianti. Potete trovare quasi tutto il necessario da Ikea:

20140531-203823.jpg

20140531-203833.jpg

20140531-203843.jpg

Completate con qualche rosa fresca aggiunta all’ultimo momento che galleggi dolcemente sull’acqua.

http://lapiccolaselva.com/weddingbook/fiori-matrimonio/centrotavola/

Da sposa a sposa: i consigli per non impazzire

20140530-161302.jpg

Quando è stato il mio turno di organizzare il matrimonio ho capito a cosa servissero i wedding planner: a farti rilassare.
Organizzare il matrimonio da sole è fattibile ma è stressante, più di quanto si immagini.
Ve lo dice una che viene considerata un carro armato da amici e parenti, sono una persona organizzata, una di quelle che pianifica ogni cosa, che quando va in vacanza arriva con cartine, informazioni e chi più ne ha più ne metta. Eppure sono arrivata al matrimonio sfinita. Questo blog è nato proprio per “aiutare” le spose nel loro percorso, affinché sia una fonte di idee e ispirazioni e vi aiuti ad organizzarvi.
Eccovi la mia personale esperienza, cosa mi ha stressato e come ho gestito i vari “problemi”.

– problema 1, CHIARIRSI LE IDEE: che matrimonio desidero? Che colori voglio usare? Quali fiori? Quante persone voglio? Desidero qualcosa di rilassato o più formale? Queste sono le prime domande che una sposa DEVE farsi. Scegliere non è facile e può creare stress. Quando una ragazza organizza il suo matrimonio vorrebbe che tutto fosse perfetto, che i fiori fossero i più belli, che il vestito fosse il migliore del mondo. Le possibilità però sono INFINITE!!!! Il mio consiglio è di raccogliere delle immagini di cose che vi piacciono, su giornali, su internet. Raggruppate le cose che vi piacciono e vi accorgerete che scegliete più o meno sempre le stesse cose. Iniziate a mettere dei punti fermi, scegliete i colori come prima cosa e da li sviluppate la vostra idea di matrimonio cercando di uniformare le vostre scelte.

– problema 2, PIANIFICARE : una volta fatte le scelte iniziali pianificate il matrimonio con cura. Cercate di arrivare dai fornitori con le idee già chiare, ad esempio dal fiorista cercate di arrivare avendo quanto meno un’idea sommaria di ciò che desiderate. Se non cominciate ad escludere alcune cose vi troverete davanti tremila possibilità che vi metteranno solo confusione. Lo stesso dagli altri fornitori, idee chiare il più possibile e sicurezza.

– problema 3, LE OPINIONI ALTRUI : io e mio marito abbiamo deciso di sposarci a Natale. Poiché la cosa era nell’aria da un po’ mi ero già fatta le famose ricerche di cui parlavo sopra e, a gennaio, avevo già le idee chiarissime su quello che volessi per il matrimonio, sia per quello che riguarda lo stile, sia per i fiori scelti ecc.
Poi mi sono trovata a fare i conti con gli altri : mamma, suocera, cugino, zio, amico. Ognuno avrà un’ opinione sulle vostre scelte.
Nel mio caso mi sono trovata con mia mamma che riteneva i fiori da me scelti ” miseri ” (testuali parole), mettendomi in crisi. Ho passato i successivi due mesi a pensare a come cambiarli per poi tornare sulla mia prima decisione iniziale.
Lo stesso per la location, l’avevo scelta, la adoravo, ero convinta. Poi il mio testimone di nozze ha iniziato a proporre altre location, altri ristoranti, sommergendomi di dubbi e allungando i tempi di scelta. NON ASCOLTATE NESSUNO, so che vorreste accontentare tutti ma questo è IMPOSSIBILE. Il matrimonio è il vostro e deve rendere felice VOI. Ho fatto di testa mia e tutti han detto che avevo fiori stupendi (mia mamma compresa) e che la location fosse perfetta. FATE DI TESTA VOSTRA, SEMPRE.

– problema 4: FARE I CONTI COL BUDGET : una delle prime cose da fare è capire quanto si può e si vuole spendere e dividere questa spesa per le varie voci. È difficile farsi un’idea complessiva all’inizio, fatevi fare più preventivi possibile.
Se il budget è basso optato per sposarvi in settimana (costa meno) o a limitare il numero degli ospiti. Cercate di realizzare personalmente più cose possibili (seguite i tutorial che vi linko giornalmente) e non accontentatevi mai della prima opzione.
Ad esempio, ho acquistato delle bolle di sapone a forma di torta nuziale per il matrimonio. Ho cercato a lungo su internet. Non mi sono accontentata della prima opzione. Alla fine le ho ordinate dall’Inghilterra, pagandole 1/3 di quanto le avrei pagate in Italia.

– problema 5: I DRAMMI ALTRUI : non entrerò nello specifico, ma la cosa che più mi ha stressato durante l’organizzazione del matrimonio é stata avere a che fare coi drammi altrui. C’era chi non voleva sedersi vicino a quell’altro costringendoti a cambiare disposizione nei tavoli a 20 persone, facendo complicati e assurdi giochi di incastro, chi minacciava di non venire perché non avevi invitato la bis bis bis nonna del trisavolo di suo zio. Chi diventava improvvisamente celiaco a due giorni dal matrimonio, chi dichiarava che avrebbe mangiato tutto il menu senza problemi ma il giorno del matrimonio ha preteso una pasta al pomodoro (anche se avevi pagato per lui il menu completo), chi pretendeva che suo nipote facesse da damigella a tre giorni dal matrimonio (solo perché piccola), Il prete a cui non piacevano le canzoni scelte o il momento in cui sarebbero state cantate.NE HO VISTE DI OGNI, succedono ad ogni matrimonio, chi più chi meno. Vi auguro di non trovarvi in situazioni simili, ma se dovesse succedere FREGATEVENE. Chiariamoci, é giusto aver cura dei propri ospiti, lo dico sempre. Altrettanto giusto è accontentare le loro richieste, se possibile. Se queste però diventano CAPRICCI fatevele scivolare addosso.
Ci sarà sempre chi avrà da ridire perché non avete invitato tizio o caio o perché avete scelto il risotto al posto della pasta.
FATE QUELLO CHE VOLETE, il matrimonio è il vostro e se a voi non va che ci siano alcune persone nessuno dovrebbe dire niente (in fondo pagate voi, ed è il vostro giorno). Non dovete trovarvi nella situazione in cui siete voi a dover rinunciare a qualcosa per fare contenta la bis bis zia o chiunque altro.
Non fatevi troppi problemi, nemmeno sugli inviti. Invitate SOLO chi davvero volete che ci sia. Posso sembrare cattiva ma ve lo dico col cuore, rischiate di beccarvi SONORE delusioni.

– problema 5, ASPETTATIVE VS REALTÀ: quando uno si sposa vive il tutto come un sogno, magari lo immagina da quando era piccola e pensa che sia un periodo piacevole e meraviglioso. Non fraintendetemi, lo è anche, ma gli stress di cui vi ho parlato sopra possono davvero rovinare il vostro sogno. Dovete imparare a trasformare il sogno, principesco, anche infantile se volete, in realtà.
Perché il risultato sarà bellissimo, sognante, principesco, ma il percorso per arrivarci potrebbe stressarvi. Non ha importanza, fa parte del gioco e prima lo capirete più vi vivrete meglio tutti le difficoltà che potrebbero sorgere.

Quindi concludendo, RELAX, TAKE IT EASY, come diceva una vecchia canzone. Non è sempre facile ma é davvero il consiglio migliore che possa darvi. Il vostro giorno arriverà prima di quanto crediate e tutto sarà stupendo e bellissimo, nonostante i drammi.
🙂